Home » Incontri di Studi » XIII Incontro di Studi

XIII Incontro di Studi

 - CSP Onlus

Armarsi per Comunicare con gli Uomini e con gli Dei

Le armi come strumento di attacco e di difesa, status symbol e dono agli Dei

Dopo lo studio dedicato alle diverse epoche della Pre e Protostoria dell’Etruria, per ricostruire l’avvicendarsi delle comunità che, in ultima analisi, hanno contribuito alla formazione della Nazione Etrusca e dopo l’analisi dei paesaggi, sia reali che “mentali”, l’incontro del 2014 ha esplorato alcuni aspetti relativi ai comportamenti delle più antiche popolazioni dell’Etruria.
E’ sembrato che uno degli aspetti più interessanti fosse l’analisi di quelli che noi chiamiamo “oggetti di ornamento”, ma che non sempre avevano una funzione così limitata: si indossavano anche per ostentare, da vivi e da morti, la propria ricchezza e l’appartenenza a ceti sociali elevati.
Sebbene anche gli uomini amassero indossare ricchi ornamenti e vesti preziose, i gioielli erano tuttavia legati principalmente al mondo femminile. Gli uomini, fin dall’Eneolitico, intendevano connotarsi come guerrieri in armi: le armi rivelavano il loro valore personale e la loro appartenenza sociale. Le ricche vesti e le armi rappresentate sulle stele, da quelle ad esempio dell’età del Rame di Saint Martin de Corléans a quelle orientalizzanti della Daunia, rivelano gli ideali maschili dei ceti egemoni, rimasti uguali per millenni: essere “principi” e guerrieri, gestire il potere politico e quello militare, avere la ricchezza e la gloria conquistata in battaglia.
Le armi avevano quindi diversi significati: servivano per difendersi dai nemici e per annientarli, nei momenti di pace per ostentare il proprio valore e la ricchezza della propria famiglia: come le ricche dame indossavano i gioielli nelle cerimonie ufficiali, così i capi mostravano le armi più preziose, spesso ornate in modo da non essere più funzionali, ma solo simboliche. Nei funerali le armi, come i gioielli, erano deposti nella tomba, sottraendo in tal modo ai discendenti interi patrimoni.
Le armi venivano poi offerte alle divinità delle acque e delle alture, gettandole nei fiumi e nei laghi o deponendole sui passi alpini più pericolosi, e ancora venivano defunzionalizzate e sepolte in “ripostigli” o in fosse votive. Tutte queste operazioni sembrano indicare un preciso richiamo a divinità di cui si chiedeva la protezione e sottintendono tutto un patrimonio di credenze e ideologie religiose e funerarie, a cui forse non abbiamo fatto sufficiente attenzione.
Armarsi dunque significa anche voler comunicare qualcosa di sé, e nello stesso tempo entrare in contatto con le divinità e chiedere loro protezione. Una analisi di questo tipo, integrata con le osservazioni suggerite da epoche storiche più recenti, può permettere di comprendere meglio la mentalità e i comportamenti delle comunità ora estinte e non più osservabili.

In questa ottica si possono prendere in esame indicativamente:

  • Le armi da offesa e da difesa nelle diverse epoche e le loro interrelazioni
  • I corredi tombali di uomini armati
  • La loro rappresentazione sulle statue e sulle stele
  • I ritrovamenti in contesti rituali e cultuali

Sarà allestita una sezione poster. I poster verranno caricati online sul sito del Centro Studi e resi scaricabili per agevolare la loro diffusione e la discussione. Per tale motivo i contributi dovranno pervenire inderogabilmente entro il 31 luglio in formato pdf e jpeg. 

L’Incontro avrà luogo a Valentano (VT) (9 settembre), a Pitigliano (GR) (10 settembre) e a Manciano (GR) (11 settembre).

È prevista una quota di iscrizione di € 40 a persona per i partecipanti strutturati e per ciascun relatore e di € 20 per gli studenti e i non strutturati, da versare alla segreteria al momento del Convegno.
La quota darà diritto alla pubblicazione negli Atti, ai pranzi eventualmente offerti dai comuni ospitanti, al prétirage, e a uno sconto sugli Atti dei Convegni e sulle pubblicazioni del Centro Studi.

Per ulteriori informazioni, vi preghiamo di scrivere o telefonare agli indirizzi qui sotto riportati 

 nuccianegroni@gmail.com  cell. 347 2621735

 metta.christian@gmail.com cell. 333 9466101

Programma Definitivo

Da oggi è disponibile in formato pdf il programma definitivo del XIII incontro di Studi - Preistoria e Protostoria in Etruria

Sessione Poster

Tutti i contrbuti in formato poster sono coultabili e scaricabili in formato jpeg semplicemnte cliccando sul segunte link:

POSTER

Sedi del Convegno

Il 9 settembre l'incontro di studi avrà luogo al Museo Della Preistoria Della Tuscia E Della Rocca Farnese - Valentano (VT)

 

Il 10 Settembre l'incontro di studi avrà luogo al Teatro Salvini a Pitigliano (GR)

 

Il 10 Settembre l'incontro di studi avrà luogo al cinema-teatro a Manciano (GR)